I criteri di Microsoft Advertising aiutano gli inserzionisti a capire cosa serve per creare annunci di grande effetto e a scoprire ciò che è consentito e ciò che non lo è. Per fornire agli inserzionisti e ai loro clienti un'esperienza ottimale sulla nostra rete pubblicitaria, verifichiamo annunci e parole chiave in base a questi requisiti. Gli inserzionisti devono essere conformi a tutti i criteri di Microsoft Advertising. Utilizza i criteri seguenti per velocizzare l'approvazione dei tuoi annunci ed evitare conseguenze o ritardi. Ci riserviamo il diritto di rifiutare o rimuovere gli annunci, a nostra esclusiva discrezione e in qualsiasi momento. Microsoft può chiudere l'account o gli account dell'inserzionista ed espellere quest'ultimo da Microsoft Advertising se lo sospetta di una violazione volontaria o ripetuta delle condizioni d'uso o delle norme e criteri di Microsoft. Non è possibile accedere alle informazioni e ai dati di un account chiuso, né all'account stesso. A propria esclusiva discrezione, Microsoft Advertising può riattivare l'account chiuso dopo che l'inserzionista avrà rimediato alla violazione del caso. Per ulteriori informazioni su dove appariranno i tuoi annunci e sul loro posizionamento, consulta le nostre pagine di Introduzione qui e qui. Per informazioni su come richiedere la revisione di un annuncio non approvato, consulta la nostra procedura di richiesta eccezione. Altre informazioni sulla gestione dei reclami dei clienti sono disponibili qui (in inglese).


CONFORMITÀ CON IL DIRITTO COMMERCIALE

Microsoft Advertising e l'inserzionista riconoscono che i servizi e le tecnologie a essi correlate (“Articoli”) possono essere soggetti alle giurisdizioni statunitensi o di altri Paesi in materia di esportazione. Entrambe le parti sono tenute a rispettare tutte le leggi e le normative applicabili alle importazioni e alle esportazioni degli Articoli, incluse, a titolo esemplificativo, leggi specifiche del diritto commerciale come i regolamenti statunitensi sull'amministrazione delle esportazioni (EAR) e sul traffico internazionale di armi (ITAR) e i regolamenti sulle sanzioni amministrati dagli Stati Uniti d'America. Ufficio di controllo dei beni stranieri (“OFAC”) (“diritto commerciale”).

L'inserzionista non intraprenderà alcuna azione che possa provocare o coinvolgere Microsoft in una violazione del diritto commerciale applicabile, statunitense o di altri Paesi. Nell'eventualità in cui venga a conoscenza di una potenziale violazione del diritto commerciale in relazione all'adempimento del presente contratto, o di una potenziale violazione dei termini descritti nella presente sottosezione, l'inserzionista è tenuto ad avvisare Microsoft il prima possibile e in ogni caso non oltre 14 giorni dopo avere saputo della suddetta violazione. Microsoft può sospendere o interrompere la partecipazione dell'inserzionista a Microsoft Advertising nella misura in cui dovesse ragionevolmente concludere che l'adempimento del contratto può coinvolgerla in una violazione del diritto commerciale applicabile, statunitense o estero, o metterla a rischio di subire sanzioni economiche previste dalle eventuali leggi violate.
 
Per ulteriori informazioni, consultare la pagina www.microsoft.com/exporting (in inglese).